Scrivere in ottica SEO… Come si fa?

2 minuti di lettura

Scrivere in ottica SEO… Come si fa?

Scrivere in ottica SEO è la nuova frontiera della scrittura digitale. Ci sono agenzie specializzate nel gestire la strategia SEO dei loro clienti, ma anche tanti freelancer che cercano ogni giorno di migliorare i propri contenuti. Le attività strategiche che si possono fare per un sito web sono davvero molte, ma la prima regola fondamentale è ricordarsi che senza un buon contenuto NON È POSSIBILE FARE SEO.
Lo diceva anche Bill Gates nel 1996: “Content is King”. E se il contenuto è la parte più importante, chi lo scrive deve rispettare alcune “good practice” per ottenere un prodotto di qualità.

Come trovare le parole chiave

L’idea comune è che un testo SEO sia pieno di parole chiave (o keywords) che si ripetono furiosamente senza un senso logico, ma non è proprio così! Che le keywords siano fondamentali non è un segreto, ma di certo possono essere inserite in modo piacevole, senza far venir meno la narrazione. Ma come si trovano le parole chiave più adatte per migliorare un testo già esistente o per crearne uno nuovo?

  • Pensando al target: prova a immaginare cosa cercherebbe il tuo lettore.
  • Sbirciando sul web: puoi farti un’idea delle keywords da usare in base a quelle che utilizza chi scrive del tuo stesso argomento.
  • Controllando i parametri delle keywords con tool per la SEO come Seozoom. Dopo aver trovato una lista di keywords, si possono analizzare alcuni parametri: quanto vengono cercate, quanta difficoltà avrò per posizionarle e molto altro.
  • Utilizzando sia keyword a coda corta (short tail) che a coda lunga (long tail). Le long tail keywords sono quelle più lunghe e più specifiche.

Come scrivere in ottica SEO

Una volta capito come trovare le keywords puoi cimentarti nella scrittura vera e propria:

  • pensa subito alla struttura che vuoi dare al testo e quindi al titolo e ai sottotitoli principali. Nel codice del sito web è importante controllare che il titolo sia inserito come H1 e i sottotitoli come H2;
  • pensa al tuo target per trovare il tono di voce giusto e per dare le informazioni che il tuo lettore si aspetterebbe di trovare;
  • inserisci delle immagini che descrivano il contenuto del testo e ottimizza il tag alt;
  • personalizza il testo con paragrafi, grassetti, punti a elenco per migliorare la leggibilità del tuo testo.


Se ti abbiamo incuriosito e ti piacerebbe contattarci per una consulenza personalizzata siamo qui per te!

19 Aprile 2021
Autore: Giulia Galimberti di Giulia Galimberti