20 Febbraio 2017
#seowebreputation

In un recente articolo abbiamo parlato di come sia importante monitorare la web reputation del proprio brand o di quello di un cliente, sottolineando l'importanza del SEO e dando alcuni consigli su modalità e strumenti.

Oggi vogliamo parlare della fase operativa: come intervenire con la SEO quando ci si accorge che il proprio brand sta vivendo una fase negativa di web reputation?

SEO & Web Reputation: contenuti testuali

La parola è solo una: positività.

Se si è stati vittimi di un attacco infamante oppure si ha commesso un errore nella qualità del servizio che è costato caro, prima di pensare a eventuali azioni legali è importante ripulire la SERP e fare in modo che le pagine offerte ai motori di ricerca siano popolate da contenuti positivi e in grado di restituirci l'immagine che meritiamo.

I suggerimenti che vi diamo sono:

  • Fare un check delle pagine del sito aziendale e aggiornarle dove necessario (ad esempio aggiungere nuovi prodotti, rimuovere vecchi servizi, aggiustare i contatti etc);
  • Creare o aggiornare il blog aziendale con contenuti e notizie fresche, utili, ben spiegate.

Più le informazioni sono gradite, più le pagine si indicizzano nei motori di ricerca scalzando contenuti negativi. Importantissimo: evitare contenuti copiati altrove e trasmettere messaggi sereni, veritieri, utili.

SEO & Web Reputation: contenuti multimediali

I contenuti multimediali (foto, infografiche, video) vanno curati al massimo:

  • Caricare immagini e infografiche valorizzando gli appositi campi (in primis il campo del testo alternativo, ma anche titolo e descrizione) con descrizioni e parole chiave, evitando ridondanza e forzature;
  • Crearsi un proprio spazio su tutte le principali piattaforme video (Youtube, Vimeo, Dailymotion etc);
  • Usare watermark, sia su foto che su video.

SEO & Web Reputation: link building

Secondo molti esperti SEO, uno dei fattori che più incide sulla buona indicizzazione è quello della link building: più il sito riceve link da altri siti autorevoli, più a sua volta diventa autorevole. Allo stesso modo, il sito deve linkare altre pagine di alto livello: questo è un ulteriore hint di autorevolezza.

Fare link building è un'attività che richiede molte energie e spesso alti costi: portali autorevoli chiedono il pagamento anche di centinaia di euro per pubblicare guest post o contenuti con link al sito.

All'inizio ne vale la pena, appurato che questo aiuti nel recuperare un'immagine positiva; ma la cosa migliore è creare nel tempo una link building naturale.

SEO & Web Reputation: social network

Le piattaforme social, se usate bene, aiutano nel posizionamento. Per recuperare un'immagine positiva, consigliamo di analizzare dove il brand non è ancora presente (tramite il già citato Namechk) e procedere con l'eventuale creazione del profilo.

Attenzione però a non trascurare ciò che già c'è: pagine social già esistenti ma abbandonate vanno riprese in mano e aggiornate con frequenza.

Torna alla lista delle news